Studiare all'estero​

Emergenza Covid - Erasmus+

Per gli aggiornamenti su borse e soggiorni di studio Erasmus consulta le pagine dedicate del portale.

Il Corso di Laurea in Infermieristica ha una solida tradizione di scambi internazionali, iniziata fin dall'istituzione del programma Erasmus. Il programma Erasmus, acronimo di European Region Action Scheme for the Mobility of University Students, nasce nel 1987 per iniziativa della Comunità Europea e sancisce la possibilità per uno studente universitario europeo di effettuare in un Ateneo straniero un periodo di studio legalmente riconosciuto dalla propria sede universitaria. Per ciò che riguarda i settori di studio che si possono sviluppare all' estero, attualmente il corso di laurea di Infermieristica fornisce agli studenti del III anno la possibilità di svolgere l' attività professionalizzante sotto forma di tirocinio. A tal fine, sono stati identificati prestigiosi partners europei in Belgio (Bruxelles e Anversa), Spagna (Tenerife, Albacete, Melilla, Santiago de Compostela, Valencia La Fe, Valencia Castello, Madrid, Vigo, Lleida e Huelva), Portogallo (Moniz e Setubal) Francia( Auvergne-Rhône-Alpes) e Polonia (Danzica). In alcune di queste sedi è possibile svolgere il tirocinio non solo in ospedale, ma anche sul territorio, come ad esempio negli hospice e negli ambulatori infermieristici ove presenti. Il programma Erasmus Plus prevede oltre agli accordi bilaterali anche la possibilità di mobilità di due docenti per ogni Ateneo. La durata dell'esperienza è di tre mesi; il riconoscimento in carriera è pari a 20 ECTS per un totale di 20 crediti universitari per lo studente. Oltre agli incontri programmati annualmente dall'Ateneo, il Corso di Laurea tramite la sua commissione permanente per l'internazionalizzazione composta da docenti e studenti, organizza almeno un incontro all' anno tra studenti che tornano dall'estero e quelli selezionati per la partenza. L'esperienza di questi anni ci ha insegnato che tali momenti favoriscono lo scambio di informazioni pratiche e di contatti utili fra gli studenti. Al termine del soggiorno all'estero viene richiesta dalla commissione permanente una relazione scritta che poi sarà condivisa insieme agli studenti selezionati per la partenza, la quale consente ai docenti di monitorare la soddisfazione nei confronti dei programmi internazionali svolti.
Gli studenti hanno sempre valutato in modo molto positivo l'esperienza effettuata, spesso ricavandone spunti per la tesi di laurea e contatti poi mantenuti nel tempo, anche sotto forma di opportunità di occupazione dopo la laurea. L'esperienza Erasmus è considerata non solo un momento universitario, ma anche un'occasione per imparare a convivere con persone di diversa cultura e lingua offrendo la possibilità non solo dell' apprendimento di diversi idiomi ma anche un momento in cui lo studente inizia ad assumere responsabilità e acquisisce un senso appartenenza ad un percorso formativo comune seppure con studenti appartenenti a paesi diversi.
Contatti di Ateneo

Ufficio Mobilità internazionale e per la promozione internazionale

Erasmus+  mobility.out@unimi.it
Tel. 02 503 13501 / 13502 / 13495 / 12589

Extra Erasmus/Extra-EU  international.education@unimi.it
Tel. 02 503 13500 / 13494 

Erasmus+ alla facoltà di Medicina e Chirurgia

Referenti, incontri informativi, colloqui di selezione, graduatorie per gli studenti che vogliono partire per Erasmus+.

Partire con Erasmus+

Consulta il bando, le scadenze e tutte le informazioni su come partecipare ad un Erasmus+ sul portale di Ateneo: come partecipare, il contributo Erasmus, cosa fare prima della partenza, durante il soggiorno e al rientro.

Altre opportunità

Sul portale di Ateneo tutte le opportunità per andare all'estero in mobilità.